Comune

DiGianluca

Spostamento mercato settimanale

Spostamento mercato settimanale.

Dopo la mia interrogazione consiliare, depositata la scorsa settimana e di prossima discussione in consiglio comunale, nonché per i vari comunicati stampa, qualcosa inizia a muoversi.
Seppur dopo anni, ma meglio tardi che mai.
Era infatti sin dal 2016 che avevo posto la questione dello spostamento del mercato settimanale a seguito di segnalazioni ed incontri con i cittadini residenti della zona.
Oggi ci siamo.
Continuerò a vigilare affinché il procedimento dello spostamento non rimanga nel dimenticatoio, come fatto sino ad oggi e si possa, quindi, quanto prima attuare.
Nell’interesse esclusivo dei cittadini e della nostra comunità.

DiGianluca

Buone nuove per la nostra Cellamare: arrivo di finanziamenti diversi da parte della città metropolitana

  1. NUOVI CAMPI DI CALCETTO: Ben 380 mila euro per la realizzazione di 2 campi di calcetto in erba sintetica nella zona sportiva di viale Olimpia (76mila euro già nelle casse comunali per la progettazione esecutiva ed il bando di gara). I lavori di realizzazione dovrebbero partire nelle prossime settimane.
  2. PIÙ SORVEGLIANZA: Ben 100 mila euro per l’installazione di sistemi di videosorveglianza nelle aree più sensibili del territorio comunale per migliorarne la sicurezza.
  3. PIÙ CULTURA E TURISMO50 mila euro per allestimenti tecnologici nel castello Caracciolo per potenziarne l’attrattività turistica e culturale.
DiGianluca

Bilancio di previsione di Cellamare

Bilancio di previsione di Cellamare: passa con soli 5 voti favorevoli e ben 7 astenuti.
L’esito del Consiglio Comunale di fine marzo, durante il quale è passato il bilancio di previsione con soli 5 voti favorevoli e ben 7 voti astenuti, non può di certo considerarsi un bilancio approvato dalla maggioranza! La matematica non può essere ridotta a mera opinione.

C’è un dato politico che non deve essere sottovalutato e insabbiato per nascondere una maggioranza che, di fatto, non esiste.
Perché la verità è questa: La maggioranza non esiste.
In altri comuni ci sarebbe già stato lo scioglimento del consiglio comunale.
Il Bilancio? Non basta mantenere invariate le imposte comunali.

Dagli atti in mio possesso e trasmessi dalla Segreteria Generale del Comune, questi i dati (allegato 7 alla proposta di deliberazione del bilancio di previsione 2018):
0,00 Politiche Giovanili;
0,00 Protezione Civile;
0,00 Associazionismo e Cooperazione;
0,00 Anziani.

Però, nel corso del 2017, preleviamo dal fondo di riserva comunale 8000,00 per acquisto mobilio che si aggiungono ai 20000,00 già stanziati sull’apposito capitolo, per una spesa di 28000 euro, per acquistare del nuovo mobilio. E qui, le economie escono. La discussione in consiglio?

Su domande di pertinenza tecnica di bilancio, anche il responsabile del settore ragioneria, che ringrazio per essersi sforzato nel fornirmi delle risposte, ha avuto evidenti difficoltà.
E nel contempo, visto che si dice che “tutto va bene”, ho inviato una PEC al capo settore tecnico per un sopralluogo congiunto all’nterno della Palestra Coperta.

Nella mia qualità di consigliere comunale, mi impegnerò a comprendere la reale situazione della nostra palestra coperta, date anche le diverse segnalazioni ricevute dai genitori.

DiGianluca

Il bilancio consuntivo 2017 di Cellamare

Il bilancio consuntivo 2017 di Cellamare passa senza una maggioranza politica.
Continua la fase di totale imbarazzo di una maggioranza che a Cellamare non esiste più.

Nel Consiglio Comunale del 27 aprile, infatti, la storia si è ripetuta: il rendiconto del 2017 è stato approvato con 5 voti favorevoli e ben 6 voti astenuti.
Una maggioranza politica che non esiste.

Un rendiconto che poteva certamente essere meglio gestito, nel suo complesso, e che si chiude in attivo con una disponibilità di poco più di 26 mila euro… nel contempo situazioni insolute, come quella dei debiti verso l’ufficio di piano (per oltre 70 mila euro) e verso una struttura protetta (per oltre 30 mila euro), attendono risposte concrete.

DiGianluca

Riguardo la mia scelta di lasciare la maggioranza del Consiglio Comunale di Cellamare

Riguardo la mia scelta di lasciare la maggioranza del Consiglio Comunale di Cellamare lo scorso febbraio, intendo riportare le mie dichiarazioni:

“Sono saltati pezzi importanti rispetto alla squadra iniziale, sotto la totale indifferenza di tutti i consiglieri della maggioranza.
È venuto meno il concetto della “squadra”.

Ho deciso sino all’ultimo, da come anche chiaramente si evince dagli ultimi consigli comunali, nella mia più totale lealtà e coerenza, di rimanere in questa maggioranza, ma le continue azioni
‘incomprensibili’ e la stasi amministrativa, oggi, mi inducono a dichiararmi indipendente.
In questo modo potrò essere libero di decidere singolarmente la posizione politico-amministrativa da intraprendere, secondo mia coscienza, condividendola o meno.

Fermo sulle mie posizioni e coerente con la mia coscienza e con il mio modo di fare politica. Non mi fermerò.

Grazie a quanti, tra ieri ed oggi, mi hanno scritto per andare avanti.
E’ l’inizio di una nuova fase. Avanti, più forti di prima”.

DiGianluca

Il mio impegno in Comune

Per 7 anni sono stato Assessore con delega alle politiche sociali e sanitarie, protezione civile, politiche giovanili, del lavoro e dello sport.

Tanti i risultati raggiunti in questo periodo: l’apertura di un asilo comunale, l’attivazione della carta giovani Europea, la costruzione di un centro polivalente per anziani, l’apertura di un centro informa giovani sul territorio con avvio nel mercato del lavoro, buoni spesa, il potenziamento della struttura locale di protezione civile con l’aggiornamento  del piano comunale di emergenza e l’apertura di una sala operativa comunale dedicata, l’avvio del servizio civile nazionale, progetti per la completa riqualificazione della nostra area sportiva di viale Olimpia e la richiesta di un finanziamento per la costruzione di un centro per la famiglia.

Un lavoro di sostanza e di risultati concreti.

Ah dimenticavo: la mia indennità assessorile? 350 euro al mese. Non un lavoro dunque, ma una grande passione per il mio territorio e per i  miei cittadini.